giovedì 4 febbraio 2010

ma tu, Signore, da che parte stai?

Lo sapevo che non gliela dovevo far fare, l'ora di religione!
Certe decisioni sono difficili da prendere e hanno spesso risultati imprevedibili. Tu credi di aver ponderato tutti i pro e i contro, ma c'è sempre qualcosa che sfugge al tuo controllo!
Intanto è assurdo che si debba decidere, all'ASILO, se quelle creaturine, appena più consapevoli di un invertebrato, debbano già "studiare" religione... Sì, lo so che fanno qualche disegnino e raccontano qualche favoletta, nulla di più, ma a me girano comunque. È una questione di principio,  e il principio, si sa, non può finire per ultimo. Io non li ho nemmeno battezzati, i miei figli, e lo Stato mi costringe a fargli fare religione. Sì, mi costringe, perché come gli dovrei motivare il fatto che, mentre i suoi amichetti stanno il classe a cantare "Gesù mi sorride", lui se ne va? Non voglio che si senta un escluso, ma non posso mica dirgli: "Tu non fai religione perché i tuoi genitori sono atei, non credono in Dio e vogliono che tu sia libero di scegliere se essere o meno di una qualsiasi religione"...  Già mio figlio è uno  con le ansie cosmiche, che mi fa domande tipo: "Ma come sono nati gli uomini?", oppure: "Ma cosa c'è alla fine dell'universo?". Non posso imbarcarmi con lui in una discussione sull'ateismo, la laicità, il libero arbitrio ecc... Non ha ancora cinque anni!
Finora, comunque, era andato tutto bene. Fortunatamente Diego ha alcune sue convinzioni teologiche autonome, è pressappoco un buddista spontaneo. Infatti ha elaborato una sua teoria sulla reincarnazione, per cui tutti rinasciamo dopo la morte, e tendiamo a rinascere anche dalla stessa mamma. Questa sua fede lo tranquillizza alquanto, e quindi io l'assecondo. A lui, l'idea di diventare un angioletto proprio non gli andava giù, e in effetti anche per me viene molto comodo, perché eliminato il concetto di paradiso è più facile evitare anche l'argomento divinità.
Però adesso il tenero virgulto ha deciso di usare la religione per i propri loschi fini (sta diventando grande, ormai si comporta come un adulto). In particolare gli serve per legittimare i suoi misfatti (quante riflessioni sull'umano agire potrebbero scaturire da questo!).
Così, se gli dico: "Diego, finiscila di ruttare a bocca aperta!" lui ribatte: "Se non va bene ruttare, perché Dio li ha inventati, i rutti?". Se gli dico: "Diego, non voglio che mi dici le bugie!" lui pronto: "E allora perché Dio le ha create, le bugie?"
Insomma, così non vale! Caro Dio, mettiamoci d'accordo. Io gli faccio fare quella fottuta ora di religione, ma tu non intrometterti nei miei metodi educativi!

1 commento:

  1. Si comincia così e si finisce a invadere la Polonia gridando" gott mitt uns"

    RispondiElimina