sabato 5 giugno 2010

Parlando di aspirazioni...

Quando lavori in casa, il minimo che ti possa capitare è di essere interrotta da qualcuno che suona alla porta. E 9 volte su 10 vogliono venderti qualcosa. Tempo fa, scampanellò nientepopodimeno che un venditore di aspirapolveri (credevo fossero estinti come i venditori di enciclopedie, ma invece si aggirano ancora per le vie delle città). Devo dire che se uno si tira dietro una valigia da 40 chili su per le scale, in giacca e cravatta, con 30 gradi e tasso di umidità al 90%, merita tutto il mio rispetto. E poi, mettiamoci anche un po' di solidarietà di classe... Se uno si risolve a vendere aspirapolveri vuol dire che ha bisogno di lavorare. Insomma, gli ho concesso appuntamento per una dimostrazione, chiarendo fin da subito che il suo fantastico sterminatore di acari costa ben più di quello che ho in banca, e quindi per nessuna ragione lo avrei mai comprato.
"Se ti pagano a dimostrazione" gli ho detto " vieni pure. Ma non voglio farti perdere tempo: io il folletto non lo comprerò mai"
Il tipo si è comunque manifestato davanti alla mia porta. Per 45 minuti, io, il babbo e i bambini, diligentemente seduti sul divano, abbiamo assistito silenziosi e attenti alla sua performance.
Certo, per dimostrare che in casa mia c'è più sporcizia del dovuto non ci vuole la tecnologia aliena, ma devo ammettere che qualche corda nel mio cuore ha vibrato quando ho visto le spazzole che riscaldano, aspirano e debellano l'unto sui pavimenti. Che meraviglia! Per non parlare dello strepitoso beccuccio flessibile per pulire gli elementi del termosifone... per un attimo ho sognato a occhi aperti e mi sono vista impugnarlo con fierezza, come Luke Skywalker con la spada jedi. Per brevi istanti ho immaginato il nero impero delle polveri crollare sotto i colpi della spazzola Girasole.
Ma, per quanto un venditore sia bravo, non potrà mai convincermi a spendere più di mille euri, anche se in comode rate mensili, per una cosa che di fatto aspira i peli. Il giovane ha anche cercato di contrattare sul prezzo ma, quando gli ho detto che sono precaria e gli ho illustrato i principali aspetti della nostra situazione finanziaria, ha dovuto cedere. È finita che, colto da pietà, mi ha lasciato il numero di telefono... "Prova a sentire. Stanno aprendo nuove sedi, hanno bisogno di personale. Magari ottieni un colloquio!"



7 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Una ditta che vende aspirapolvere a 2000 euro (800 euro se prendi il modello base che è solo una scopa elettrica) e che riesce a sopravvivere da oltre 50 anni e in questo momento di crisi apre addirittura nuove sedi è un bel mistero... Degno di Peter Kolosimo!

    RispondiElimina
  3. da quando vivo da sola, e tutto quello che ho è una pulciosissima scopa tradiziona, il folletto di mamma è uno dei miei sogni più ricorrenti.

    RispondiElimina
  4. Pensa che beffarda la vita. Finché sei giovane sogni il principe azzurro, a una certa età cominci a sognare il folletto :(

    RispondiElimina
  5. io sto nelle stesse condizioni per il Bimby.
    della serie vorrei ma NON POSSO.

    RispondiElimina
  6. Con i miei bimbi ho messo su un piccolo giochino e cioè ogni tanto arrivo a casa con una scemenza di qualsiasi tipo e dico loro che l'ho trovata in un fantomatico negozio dei folletti che ogni tanto si materializza e apre le sue porte ai genitori dei bambini bravi e anche meno bravi. L'unica regola è "il negozio dei folletti apre solo quando vuole e non su richiesta". Quindi loro sognano l'apertura di questo negozio tutti i giorni e fanno una gran festa a qualsiasi cosa arrivi da questo luogo, anche a un fazzoletto di carta...
    Mi domando se già da piccoli sognano i folletti a una certa età cosa sogneranno???

    RispondiElimina