martedì 16 novembre 2010

I bambini di Pavlov

Ve lo ricordate il cane di Pavlov? Era tristemente famoso negli ambienti canini perché costretto a noiosi rituali in presenza del cibo. Il dottor Pavlov, infatti, dimostrò che se fai sentire un campanello a un cane ogni volta che mangia, al povero quadrupede verrà l'acquolina in bocca ogni volta che sentirà quel suono, anche in assenza di cibo. L'illustre studioso dimostrò così l'esistenza del riflesso condizionato: stimolo (suono del campanello)=risposta(salivazione).
Siccome il dottore vinse pure un Nobel, si presume che il suo sia stato un contributo importante. Francamente, non so quanto si possa applicare uno schema così rigido alla psicologia umana, ma sono certa che sia INDISCUTIBILMENTE fondamentale per capire il comportamento infantile. Il bambino, infatti, si attiene scrupolosamente alla dinamica stimolo=risposta.
Esempio numero 1.
Dieci persone a cena. La mamma ha cucinato tutto il pomeriggio. Il bambino vede la mamma sedersi per godere il meritato riposo e la simpatica compagnia. Nell'esatto istante in cui la mamma avvicina la sedia al tavolo, ecco che il bambino sente la pancia contrarsi.  Deve ASSOLUTAMENTE e, soprattutto, IN QUEL PRECISO MOMENTO fare la cacca.
Esempio numero 2.
Piove. Sei appena riuscita a infilare entrambi i bambini in macchina e allacciarli al sedile. Sei in ritardo. Sei fradicia. Il bambino vede la mamma sedersi al volante e infilare la chiave. Nell'esatto istante in cui il bambino sente il rumore dell'accensione, avverte uno stimolo al basso ventre. Deve ASSOLUTAMENTE e, soprattutto, IN QUEL PRECISO MOMENTO fare la pipì.
Esempio numero 3.
Questa volta è la mamma che deve assolvere alle sue funzioni corporali. Nell'esatto istante in cui il bambino sente chiudersi la porta del bagno, si ricorda che deve ASSOLUTAMENTE e, soprattutto, IN QUEL PRECISO MOMENTO, far vedere alla mamma il disegno che ha portato dall'asilo. Se la mamma non mostrerà IMMEDIATAMENTE il più assoluto interesse e la più sincera ammirazione per il lavoro del cucciolo, lui ne riporterà un gravissimo trauma.
Esempio numero 4 (prova inconfutabile dell'esistenza del bambino di Pavlov)
Il telefono sta suonando. Nell'esatto istante in cui sente lo squillo, il bambino si ricorda che deve ASSOLUTAMENTE e, soprattutto, IN QUEL PRECISO MOMENTO dire una cosa alla mamma. Naturlamente anche la sorella, sottoposta al medesimo stimolo, reagisce nello stesso modo. Anche lei deve ASSOLUTAMENTE e, soprattutto, IN QUEL PRECISO MOMENTO dire una cosa alla mamma. Ovviamente la mamma è già impegnata in una difficile conversazione di lavoro e non può prestare ascolto alla prole, che si contende l'attenzione della genitrice a morsi, calci e pugni. Una violenza che ho visto solo nei film di Bud Spencer e Terence Hill.
Invio idealmente questo messaggio alla comunità scientifica. Qualsiasi mamma vi confermerà che le cose vanno esattamente come ho detto. Non pretendo di aver fatto una scoperta originale e innovativa. Se, però, avete bisogno di due bambini su cui effettuare sperimentazioni, vi noleggio volentieri i miei. Purché alla fine me li rendiate de-condizionati sicché io possa un giorno fare una telefonata in pace.

6 commenti:

  1. Io ho le prove inconfutabili dell'esistenza dei 2 gatti di Pavlov... C'ho le prove purtroppo! Sì ce le ho... #x@!*+##*+

    RispondiElimina
  2. Ma tu pensa se il cane avesse potuto parlare!
    "...ho conosciuto un uomo con una strana deviazione, si divertiva ed eccitava a suonare una campanella per vedermi sbavare! In cambio di vitto e alloggio io gli ho dato corda..."

    RispondiElimina
  3. :)) ciao ti scopro oggi... starò qui per un po' se ti va... a proposito... il sondaggio... l'ultima domanda... con simpatia ovviamente :)

    RispondiElimina
  4. GRAZIE! Spero davvero che tu voglia restare da queste parti :)
    A presto, allora!

    RispondiElimina
  5. Forse non sapete che Pavlov bucava le guance dei cani per registrare la salivazione ed in seguito anche le guange dei bambini. La russia nel 19/20 secolo reputava normalissimo questo approccio. Ci sono moltissimi documenti in proposito. Chiunque studi la storia della psichiatria si imbatterà in torture di ogni genere. Il senso del filone comportamentista era che l'uomo, a qualsiasi età, se non si comporta "come si deve" va riprogrammato e rieducato con ogni mezzo. Non che io sia daccordo ovviamente ma sfugge il senso del perchè si facevano tali esperimenti a chi non è del campo. Si giocava a fare DIO.

    RispondiElimina
  6. bucavano le guance ai bambini?! Allora ritiro immediatamente la disponibilità a offrire i miei come cavie :)
    Ci manca solo il piercing, alla loro età :))

    RispondiElimina