venerdì 26 novembre 2010

se questo è familismo

Vorrei oggi affrontare un argomento molto dibattuto e controverso: il familismo e, in particolare, il mammismo.
Quando sei una giovane mamma, ogni piccolo progresso verso l'emancipazione del tuo bambino ti sembra un miracolo. Lo segni nel suo album, mandi i messaggini alle amiche, telefoni ai nonni: ha imparato a camminare, ha imparato a soffiarsi il naso, ha imparato a tenere il cucchino da solo... La maggiorparte degli italiani, soprattutto se di sesso maschile, si ferma a questo livello di autonomia: ecco, ha imparato a mangiare gli spaghetti (quasi) senza sporcarsi. Bravo.
Da lì, non si muove più niente. Anzi, in alcuni casi si segna una decisa regressione. Per esempio c'è un'età in cui si offrono di riordinare i cassetti, di asciugare le posate, di mettere via le scarpe. Poi disimparano, e non c'è più niente da fare.
Un tempo, quando ero giovane e idealista, rigettavo tutto ciò in nome di un valore assoluto: l'indipendenza! Era la mia bandiera, il mio orgoglio, la mia missione.
Oggi, invece, sono meno categorica. In fondo, avere una mamma (o meglio una suocera) che porta a casa i borsoni del calcio del figlio (ovvero mio marito) e si occupa lei di lavare le maglie di tutta la squadra... pensiamoci, è una bella cosa. È la mamma (la sua) che mette le mani e le narici in quell'effluvio di maglie sudate in macerazione. È lei che lava, stende e piega magliette, pantaloncini e calzini...
Vi dirò di più. Avere una mamma (o meglio una suocera) che molla 50 euro ogni volta che usciamo ("tieni" dice " pagatevi la pizza, o il cinema, o che so io...") in fondo in fondo, pensiamoci, non è male...

Direte voi: ma tu, a 35 anni suonati, non hai una dignità?
No, non ce l'ho.

8 commenti:

  1. bè finchè si tratta di farsi dare una mano, di accettare qualche aiuto economico, non ci vedo nulla di male. commentavo stamattina in un altro blog che ci sono donne che quando aspettano un figlio si trasferiscono a casa della madre lasciando soli i mariti, o ancora che impongono al marito che la madre si trasferisca da loro. lo so perchè ho più di un'amica che l'ha fatto. ecco, questo trovo sia patologico.
    e comunque io quando mio marito gioca a pallone poi metto al massimo in lavatrice la sua di roba sporca... quella di tutta la squadra che se la lavi ognuno a casa sua!!! :-D

    RispondiElimina
  2. eh, c'è stata un'accesa discussione sull'argomento. Pare che i maschi adulti che compongano la squadra non siano in grado di garantire il ritorno delle magliette... Non si può pretendere troppo da loro.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. mia suocera non più tardi di questa primavera ha comprato per mio marito un bel mazzo di ... mutande... come se da soli non fossimo in grado di farlo... anzi, come se io, moglie, non fossi in grado di farlo... spessissimo cucina per noi, e per la bambina, senza chiedere se l'abbiamo già fatto, appena sposati entrava in casa a farci il letto (!!!!) e tutt'ora, spesso, ammolla i 50 euro al figliolo... che dire? mi fa venire un embolo ogni volta, ma, oltre ovviamente a fare comodo, non posso fare la parte dell'acida e rischiare la litigata ogni volta... anche perchè la piccola sta spesso con loro quando lavoro ed è affezionatissima... devo fare buon viso a cattivo gioco... comunque non sopporto queste che considero continue intromissioni nella nosta vita...

    RispondiElimina
  5. I primi tempi (il mio primo bimbo ha quasi 6 anni) io ero molto tarata verso "l'acida", poi ho piano piano ceduto su molte posizioni. Quindi anche noi calzini e mutande a profusione, per adulti e bambini, ma anche scarpe e vestiti e giochi. Diciamo però che siamo arrivati al compromesso che, di solito, prima chiedono e poi arrivano con il pacco dono. Difficile dire di no, ma in questo modo conserviamo una parvenza di autorità genitoriale.
    Aggiungo che ho una suocera molto intelligente e incredibilmente attenta a non urtare i sentimenti altrui, quindi posso ritenermi fortunata!

    RispondiElimina
  6. Esistono anche le suocere dei mariti... Quelle sante donne di un' altra epoca che hanno imparato fin da piccole che il marito ha sempre ragione! Sì ha sempre ragione, ma non il marito delle figlie... Quello ha sempre torto!!! Sì ha sempre torto! :-)

    RispondiElimina
  7. ... ecco... è sull'intellgenza che si gioca la partita... non tutti sono "incredibilmente attenti" a non urtare i sentimenti... :)

    RispondiElimina
  8. Sì concordo, non tutti ne sono capaci ed è proprio questo il punto... Ma noi per primi lo siamo?

    RispondiElimina