lunedì 24 gennaio 2011

A scuola di ricatto

Terzo tentativo di inserimento all'asilo. Anna ricomincia da capo per la terza volta. Già... perché, dopo la prima pausa forzata, causa frattura della tibia, la piccoletta era tornata all'asilo, come tutti, il 10 gennaio. L'11 notte, dopo due giorni di faticoso inserimento, l'unica cosa che siamo riusciti a ottenere è stato un virus che l'ha costretta a casa per quasi due settimane.
Oggi, dunque, siamo ripartiti... Inutile sottolineare il carico di aspettative, speranze e timori con cui ci siamo svegliati stamane. Anche se tutti abbiamo evitato di parlarne, la bambina è evidentemente dodata dell'istinto tipico della sua età, che le permette di cogliere ogni sfumatura del nostro umore per poi utilizzare a proprio vantaggio questa consapevolezza.
Uno non si aspetta che i bambini siano capaci di raffinate prodezze manipolatorie che farebbero invidia a uno psicologo consumato. Ma loro ti stupiscono sempre.
La piccola si è svegliata con relativa calma, si è sottoposta ai rituali della colazione e dei vestimenti senza opporsi, ma al momento di spegnere la tv (che ci aiuta ad uscire in modo graduale e indolore dal torpore mattutino) ecco che tira fuori la briscola: "Voglio vedere il cartone fino alla fine, mamma" mi dice sfoderando il suo sguardo più innocente. "Così all'asilo sarò più felice, perché sarò rilassata..."
E tié.

6 commenti:

  1. Anna vs. Mamma 1-0 .Palla al centro. :-))

    RispondiElimina
  2. Ecco, appunto. Speriamo di vincere almeno ai rigori...

    RispondiElimina
  3. furbissssima!
    ma poi com'è andata??

    RispondiElimina
  4. è andata... non ha pianto quando l'ho lasciata ma l'ho ritrovata con gli occhi gonfi al mio ritorno. Del resto, da ottobre, questo è il suo terzo giorno di asilo. Mi va già bene se non comincia a piangere la sera prima, come faceva a settembre!

    RispondiElimina
  5. Trovare altro rituale rilassante/rassicurante/distraente mattutino?? Foooozza, resistereresistereresistere!

    RispondiElimina
  6. niente come la tv rincoglionisce i tuoi figli al punto che in 40 minuti li hai lavati, vestiti e mangiati, hai rifatto i letti, rimesso a posto parte del caos ereditato dalla sera precedente, cambiata la sabbia dei gatti, messa su una lavatrice, hai dato a te stessa un aspetto civilmente accettabile e sei pronta per catapultarli all'asilo...

    RispondiElimina