lunedì 28 febbraio 2011

Il fidanzato ideale

Dunque il compleanno di Diego è andato, lasciandosi dietro una scia di cadaveri, tra bicchieri di plastica, palloncini e popcorn.
È incredibile la quantità di cose che possono accadere durante una festa di compleanno neppure troppo movimentata: scenate di gelosia, cocenti delusioni, riappacificazioni, sfide tra pirati, principesse  sotto assedio, cadute rocambolesche, piloti di formula uno che piangono su un libro di dinosauri, uomini-ragno che si spaventano se esplode un palloncino, cowboy chini su fogli da disegno... 
Se non si era capito, è stata una festa in maschera.
Tra i moltissimi regali ricevuti, è arrivato l'agognato Ken. Sì, proprio lui, l'eterno fidanzato di Barbie ancora tenacemente restio al matrimonio, dopo tanti anni.
Questo baldanzoso giovine popolava i sogni di mio figlio fin da quando ha visto Toy Story 3, ma è stato il massiccio bombardamento pubblicitario a dar corpo al desiderio, che si è poi abbattuto sui nonni.
A loro il compito di trovare un marito alle numerose Barbie di Anna, che già da tempo manifestavano una certa agitazione e si lasciavano andare a comportamenti ambigui, in alcuni casi esplicitamente saffici.
Devo dire, però, che l'ingresso di Ken nella nostra famiglia rappresenta un importante passo avanti nella lotta per l'egemonia femminile. Per chi non lo sapesse, Sweet Talkin' Ken, meglio noto in Italia come Ken TVB, è in grado di parlare. Anzi, sul retro della scatola si legge: "Ken, il fidanzato ideale che dice sempre la cosa giusta".
Certo, perché infatti Ken non prende iniziative e si limita a ripetere quello che gli dici, ma con voce virile. Per esempio, tu gli premi il petto e sussurri: "Tua sorella è una volkswagen" e lui lo ripete con tono suadente. Tu gli dici: "Ho trovato una caccola" e lui lo ammette con il suo più fulgido sorriso.
Ecco perché dice sempre la cosa giusta.
Non sarebbe bello se tutti gli uomini fossero così? Insomma, non si pretende che ti dicano, spontaneamente, paroline gentili e frasi di incoraggiamento... basterebbe che le ripetessero a comando. 
Proprio come lui, il fidanzato ideale.
Chissà cosa accadrà ora, con l'arrivo di Ken?  Mio marito, di certo, tenterà di evitare il confronto. Diego e Anna se lo disputeranno a morsi. Ma le scene più interessanti, secondo me, si vedranno tra gli abitanti in plastica della casa. Perché bisogna considerare che Ken è uno, mentre le Barbie sono almeno una decina... E poi, insomma, lui è proprio un uomo da sogno, quello che ci voleva per povere donne i cui vestiti sono stati dispersi, senza più identità, truccate, colorate, spettinate, azzoppate...
Immagino già la Barbie ciuffona, quella con i capelli formato pannocchia e le gambe verdi,  finora destinata da Anna a impersonare la controparte machile delle altre Barbie, che si stringe al petto di Ken e piange commossa quando lui la gratifica con un improbabile: "Sei bellissima!"






2 commenti:

  1. ...tua sorella è una vollkswagen?!
    ^^

    http://www.kaisekistyle.blogspot.com/

    RispondiElimina
  2. è un gioco per bambini. Non dice parolacce :)

    RispondiElimina