lunedì 7 marzo 2011

La stufa che stufa

Caro architetto che hai progettato la mia casa, vorrei che tu prendessi coscienza di un fatto: se mi metti una canna fumaria, devi poi lasciare lo spazio per il camino, non credi? Altrimenti è inutile. Volevo dirtelo, perché se la canna fumaria la inserisci tra due vetrate, con uno spazio di cinquanta centimetri tra l'una e l'altra, dovresti immaginare che non esistono camini così piccoli... no?
Caro architetto che hai progettato la mia casa, volevo anche dirti che, invece di perdere tanti anni alla facoltà di architettura, potevi andare a fare l'animatore nei campeggi, che tanto fai tristezza uguale.
Io e l'uomo con il quale condivido il mutuo avevamo tanto desiderio di un camino, e quando ci hanno presentato il progetto  ci siamo commossi a sentir parlare di canna fumaria. Non sapevamo, noi, che cinquanta centimetri non bastano neanche per il camino dei puffi. Non siamo laureati in architettura, noi.
Ma tu sì, caro architetto che hai progettato la mia casa, ecco perché ti ritengo responsabile.
Abbiamo ripiegato sulla stufa a pellet, che è tanto simpatica con il suo fuocherello scoppiettante intrappolato dietro a un vetro, fa tanto arredo, è tanto ecologia, è tanto economica. Ma non è un camino. Non ci puoi cuocere le bruschette, nella stufa a pellet.
Produce montagne di cenere, proprio come un camino, e la devi pulire. E quando apri lo sportellino, la fuligine volteggia per la cucina e si deposita soavemente sui panni stesi.
Caro architetto che hai progettato la mia casa, spero che i miei panni ti appaiano in sogno, di tanto in tanto.
La cenere intasa l'aspirapolvere e ti ritrovi le mani nere che non vengono via neppure con la candeggina, ma non puoi cuocere gli arrosticini, nella stufa a pellet.
Caro architetto che hai progettato la mia casa, spero che anche le mie mani nere ti appaiano in sogno, di tanto in tanto...









4 commenti:

  1. Ciao!! Ti seguo da un po' senza mai commentare, ma stavolta devo dirti due cose:
    1. gli architetti sono una categoria che spesso rende perplessa anche me;
    2. se fai un salto sul mio blog troverai una sorpresa per te! :-)

    RispondiElimina
  2. Grazie!!! mi fa davvero piacere :)
    Scrivo subito il post!

    RispondiElimina
  3. ciao, in effetti il tuo architetto lascia a desiderare... però ti assicuro che il camino, a legna, di cenere e di fuliggine ne fa ancora di più!! Per poter cucinare forse la cosa migliore era una stufa ma a legna con il piano adatto, capisco che in 50 cm non sia facile però.
    Elena

    RispondiElimina
  4. Le stufe! che belle! Tutte laccate, con i loro sportellini di vetro... le adoro!
    Mi sa che nella prossima vita (quando avrò finito di pagare questa casa e potrò comprarne un'altra) ci penserò seriamente :)

    RispondiElimina