giovedì 24 marzo 2011

Tutto in una notte

Sera, Anna nel suo lettino e io accanto a lei.
"Mamma mi canti le canzoni e poi mi racconti una storia, ok?"
"Non possiamo fare solo le canzoni?"
"No, ho detto: prima le canzoni, poi la storia!"
"Va bene" cedo. E procedo con il solito repertorio: Il suonatore Jones, Via del Campo, Un chimico, Bocca di rosa. Sono a metà di Via del Campo e Anna mi interrompe:
"Ricordati: prima le canzoni, poi la storia!"
"Va bene!"
Sono alle ultime battute di Bocca di rosa, Anna è già quasi addormentata e sta mollando la presa del mio dito (solo quando lo lascerà andare del tutto saprò che dorme).
"Ricordati la storia!"
"Ma sì..."
Arrivo alla fine della canzone. Anna sta dormendo. La presa sul dito cede. Sto per alzarmi e andare in camera mia.
"Allora questa storia?!" si sente dalla culla, mentre la mano mi arpiona nuovamente il dito.
"Sì... C'era una volta una principessa..."
 Parlo molto lentamente, prima ancora di aver finito di scandire "principessa" Anna apre la mano. Sono libera!

Tre e mezza del mattino. Sono un blocco di cemento legato al letto con cavi d'acciaio. "Mammaaaa!" si sente, dall'altra stanza. Mi alzo muovendomi con grande fatica, come se dovessi attraversare una palude di miele con stivali di piombo. Il richiamo della bambina si fa più insistente, devo portarle soccorso nonostante il desiderio insostenibile di tornare nel mio morbido lettino. Avrà sete? Dovrà fare la pipì? Un brutto sogno?
Mi avvicino e le rimbocco le coperte. 
"Cosa c'è?" sussurro.
E lei, senza neppure aprire gli occhi: "Allora, questa storia?" 


Quando si dice aver chiari i propri obiettivi.

4 commenti:

  1. :D con questa faresti la felicità del pediatra nazista della nanna!!!

    RispondiElimina
  2. che tenera! Anche Princi ultimamente vuole le canzoni e la favoletta... ma lei non si addormenta mentre parlo, anzi, si sveglia sempre di più... per convincerla ad addormentarsi devo far finta di dormire anche io!
    :D

    RispondiElimina
  3. la mia è spietata. Se faccio finta di dormire mi ordina: "apri gli occhi!" E se non obbedisco me li apre lei stessa con le dita :)

    RispondiElimina