giovedì 30 giugno 2011

Tuoni, fulmini e saette

Resoconto rapido rapido di una bella serata passata in casa. Una serata SOLO ADULTI.
Non capita spesso. Anzi, negli ultimi 6 anni sarà stata la seconda volta. Di solito, invitiamo persone bambinomunite, o comunque ci sono i nostri due figli ad abbassare l'età media.
Ieri sera, visto che si doveva parlare di cose importanti per il destino dell'umanità, alle nove ho messo a letto i bambini. Poi sono tornata a far parte della società degli adulti. Ah, l'ebrezza di voci virili, di donne dallo sguardo maturo, di parolacce senza veli, di discussioni accese che non vertono sul possesso di una forchetta con il manico blu, e non si concludono a morsi.
L'euforia è durata circa 15 minuti, quando il primo urlo ha squarciato la notte: "Mammaaaa!!! Dove sei?!"
Rimetto a letto i bimbi, paziente, e torno in terrazzo a dare il mio contributo per la salvezza del genere umano. 
Poi è iniziato il temporale. Un temporale biblico, da furia degli dei. Una raffica di tuoni che è durata un'ora e mezza. E con questo, si è chiusa la mia partecipazione al nobile consesso, visto che ogni 10 minuti mio figlio arrivava in lacrime a reclamare la mia presenza come scacciamostri-parafulmine.
Insomma, la mia serata solo adulti si è rivelata un parziale fallimento, visto che non sono riuscita a seguire un ragionamento che fosse uno.
Sì, perché al momento del parto una donna deve sapere che espellerà definitivamente dalla propria vita:
un bambino
una placenta
una quantità di liquidi
la spensieratezza
il tempo libero
l'autosufficienza

Allo stesso tempo, certamente, assumi anche qualcosa che resterà con te per sempre:
un bambino
l'ansia
i sensi di colpa
le emorroidi
il rischio di incontinenza precoce
una cornice di senso che, alla fin fine, dà un perché alla tua inutile esistenza


Comunque la prossima volta i bambini vanno a dormire dalla nonna.

2 commenti:

  1. Quanto hai ragione!! Non ricordo quand'è stata l'ultima volta in cui ho avuto la possibilità di dire la mia ad una discussione di soli adulti... ah, sì, ora ricordo... in sala travaglio... un'affermazione forse poco utile ai fini dell'umanità intera ma sicuramente moooolto soddisfacente per me in quei momenti terribilmente meravigliosi! : )

    RispondiElimina
  2. :D
    immagino di che affermazione si trattasse :)

    RispondiElimina