sabato 1 giugno 2013

In tempo reale

Sabato: un sabato lavorativo, in teoria...
Sono seduta davanti al computer e sto scrivendo un post. Sto lavorando, secondo voi? No.
È una pratica zen 2.0.
"Bambini, per favore, fate un disegno per il compleanno di L. mentre io lavoro un'oretta? Eh?"
"Va bene! Cosa posso disegnargli che non sia un dinosauro?"
"Io mi siedo qui vicino a te ma sto zitta..."
"Un drago?"
"No, i draghi sono come i dinosauri. Cosa posso disegnare? Cosa gli può piacere?"
"Bimbi, forse non è chiaro il concetto: io devo lavorare e voi dovete stare zitti e buoni"
"Io non sto parlando, sto solo cantando!"
"Allora, cosa gli disegno?"
psss pissi pss pss pissi (è la nonna, la cui funzione oggi non è ben chiara, che cerca di chiamarli nell'altra stanza)
"Prova con un'astronave, una cosa così..."
"Gli disegno gli Skylanders!"
"Mamma, ti piace? qui ci sono le stelle, i fiori, la stella cometa, il cielo, l'erba, la luna"
"Sì sì bello amore, ma io devo lav..."
"Mamma, mi serve la colla"
TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUMTUM TUM TUM TUM TUM*
"Vai a prenderla..."
"Non so dov'è"
"Sì che lo sai"
TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUMTUM TUM TUM TUM TUM*
"Mamma, quando andiamo dalla nonna P?"
"Domani"
"Va bene anche lo scotch!"
TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUM TUMTUM TUM TUM TUM TUM*
pissi pissi pissi psss (sempre la nonna)
"NO! PERCHÉ QUI C'È UN BUCO!!!"
"Mamma, io volevo uscire ma ho inciampato nel sacchetto della sabbia dei gatti. È uscita tutta!!!"
pissi psss psss
"NO ORMAI HO FATTO QUESTO! MI VUOI FAR SPRECARE DELLA CARTA?!"

Normalmente, a questo punto avrei iniziato a urlare come una posseduta. Ma non oggi. Un po' c'entra lo zen. Un po' c'entra che ho ricevuto buone notizie. Ma soprattutto c'entra il fatto che non ho un filo di voce. Credetemi, la strada verso il Nirvana è molto più breve se hai una faringite in corso. 


* Il disegno che segue è il risultato del TUM TUM TUM, ossia un mazzetto di pennarelli tenuto tra due mani. Una tecnica pittorica detta "a percussione".



ps

Ora hanno iniziato a picchiarsi. Comunque tutto nella norma. In genere una madre sa, contando i secondi che passano in apnea tra il primo strillo di dolore e il pianto, se il bambino è grave oppure no.

2 commenti:

  1. Ahah! Anche io considero il danno in base al tempo che passa tra l'apnea ed il pianto. Di solito più è lungo più è forte il pianto dopo. Ihihih!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti, è un tempo che si interiorizza... non serve neppure contare :)

      Elimina