giovedì 30 gennaio 2014

Vis comica 2

E insomma, diciamo, tutti noi genitori coltiviamo in segreto la speranza che i nostri figli nascondano incredibili talenti che spianeranno loro la strada nella vita.
A un anno stentano a stare in piedi ma si mettono sulle punte per ballare sulle note de Il coccodrillo come fa, ed ecco che già li vediamo esibirsi al Bolshoj.
A due anni pasticciano con i colori con somma gratificazione e immonde conseguenze sulla tappezzeria, e noi già immaginiamo le loro opere esposte alla Tate Gallery.
A tre anni riescono a lanciare una palla con il piede senza sfracellarsi a pancia sotto, ed eccoli goleador ai mondiali del 2024. 
A quattro anni scrivono "mama bela" e non ci offendiamo per la possibile allusione perché siamo certi che questa precoce capacità di scrittura verrà un giorno premiata con il Nobel in letteratura.
Poi vanno a scuola e percorriamo i loro quaderni alla ricerca del segno del genio.
Attualmente, il talento più manifesto in famiglia è la paraculaggine della piccola, che riesce a trovare giustificazioni di ogni tipo per le sue condotte, o mettersi comunque in una luce favorevole. Per esempio:
"Io non sono testarda. Sono testarda abbastanza da far arrabbiare una mamma, ma non abbastanza da far arrabbiare una nonna".
Come dire: i miei difetti sono i tuoi limiti.
Però Diego continua a sorprendermi con una padronanza sempre più raffinata dei giochi di parole:
Ecco qualche estratto:

Come si chiama il pittore più ricco?
Claude Monete

Come si chiama la città più ricca?
San Petrolio*

Cosa fa una duchessa quando lava i panni?
Il ducato!

Ma anche l'ironia non gli manca:
"E nell'Era terziaria nacquero le prime scimmie, che avevano il pollice opponibile. Il pollice opponibile serviva per arrampicarsi sugli alberi e afferrare il telefono per giocare a DragonCity".

Ecco quindi l'immagine che lampeggia nelle mie fantasie



*Per i non bolognesi, San Petronio è il santo eponimo della basilica di Bologna.

Qui l'inzio della carriera.

3 commenti:

  1. La piccola HA la strada spianata. La paraculaggine è dote foriera di successo, indiscussatamente (mia madre sognava il nobel per la letteratura, povera donna).
    Lui, in compenso, potrà giovare delle conoscenze di mamma in ambito zelig. Che lo sappiamo che il talento (e lui ce l'ha, indiscussatamente) nunbasta.
    Direi che puoi dormire tranquilla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho delle conoscenze in ambito zelig e non lo sapevo?

      Elimina
  2. Io spero fermamente che i miei pargoli non abbiano uno straccio di velleità artistica.
    Tutti economia e commercio.
    Meglio ancora piastrellisti.

    RispondiElimina